Grano duro siciliano, prezzi stabili nonostante la siccità

La siccità non ha influito sui prezzi del grano duro siciliano. Finita l’estate le quotazioni infatti sono stabili: secondo l’ultima rilevazione Ismea, infatti, risalente al 31 agosto, nella piazza di Palermo il prezzo del frumento duro – buono mercantile è di 217,50 euro a tonnellata, quindi 21,7 centesimi a chilo,  il frumento duro – fino è di 222,50 euro a tonnellata (22,2 centesimi al chilo) e il frumento duro – mercantile è di 212,50 euro a tonnellata (quindi 21,2 centesimi al chilo). Prezzi praticamente invariati rispetto alla rilevazione precedente. 

Chi si aspettava una crescita dovuto ai magri raccolti sia in Italia che a livello mondiale (la siccità ha colpito anche l’America) è rimasto deluso. A mantenere fermo il prezzo, infatti, sono le scorte enormi degli anni scorsi: secondo Rabobank  dopo anni di produzione record le scorte hanno raggiunto la quota di un terzo dei consumi e in Usa le scorte sono ai massimi da 29 anni a questa parte.

In generale, secondo l’Ismea “la campagna di commercializzazione 2016/17 ha registrato una flessione delle quotazioni all’origine del frumento: -27% sul 2015/16 per il frumento duro quotato ad un valore medio di campagna pari a 193,87 euro/t e -6% sul 2015/16 per il frumento tenero a 175,28 euro/t. Il mese di luglio, coincidente con l’esordio della campagna di commercializzazione 2017/18, ha mostrato un’inversione di tendenza del mercato, evidenziando una risalita dei listini all’origine del frumento duro che hanno raggiunto 220,38 euro/t in aumento del 13% rispetto al mese precedente e superando la soglia dei 220 euro/t, cosa che non accadeva dalla seconda settimana di giugno 2016. Analogamente, il prezzo della granella di frumento tenero si è attestato a 184,86 euro/t, in aumento del 3,4% rispetto a giugno 2017”. L’inversione di tendenza non ha però avuto seguito nelle settimane successive.

Intanto, in occasione della Festa del grano oggi alle ore 10.45 a Raddusa si terrà il convegno sul tema “Grano Duro: qualità e mercato”. Al convegno parteciperà il vice presidente nazionale CIA Alessandro Mastrocinque. I saluti sono affidati al prof. Giovanni Allegra sindaco di Raddusa.

Interverranno Ivan Nardone del Dipartimento Sviluppo Agroalimentare Cia, Graziano Scardino, direttore Cia della Sicilia Orientale, Carmelo Allegra, presidente Cia Raddusa,Giuseppe Di Silvestro, presidente della Cia Sicilia Orientale, Giovanni Sutera Dirigente Capo IPA Catania. Concluderà i lavori Michela Giuffrida, deputato europeo, componente della Commissione Agricoltura Parlamento Europeo. I lavori, che saranno moderati da Vincenzo Grassia, coordinatore Reg.le GIE cerealicolo si terranno nel Centro Polifunzionale Papa Giovanni Paolo II in via Regina Margherita 64.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi