Vigneti, diritti di impianto rimangono in Sicilia

“I vigneti resteranno in Sicilia. È stata messa la parole fine al depauperamento delle superfici vitate dell’Isola, che rischiavano di essere alienate in altre regioni”. Lo dichiara con soddisfazione l’Assessore regionale per l’Agricoltura, Edy Bandiera, per la recente emanazione del decreto ministeriale che contiene la norma, nonché la posizione, che aveva fortemente sostenuto nelle scorse settimane il Governo Musumeci a Roma, in commissione Politiche Agricole.

La norma prevede che le autorizzazioni al reimpianto di vigneti, ottenute a seguito di estirpazione in terreni gestiti in conduzione temporanea (affitto) non potranno essere utilizzate in una regione diversa da quella in cui è avvenuta l’estirpazione, ciò a meno che non siano passati almeno sei anni dalla data di registrazione del contratto d’affitto.

Si mette fine in tal modo agli artificiosi espedienti, messi in atto nei mesi passati,  con i quali aziende provenienti da altre regioni riuscivano ad accaparrarsi le autorizzazioni al reimpianto originate dal territorio siciliano, ingrossando il patrimonio vitivinicolo di altre regioni a discapito della Sicilia.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi