Una contadina e attivista francese: la filiera corta del cibo è più che la semplice vendita di prodotti locali

Le brevi catene di approvvigionamento alimentare hanno un ruolo multidimensionale da svolgere. Possono aiutare a rivitalizzare le fattorie europee incoraggiando i giovani a lavorare la terra, ma forniscono anche cibo economico e salutare ai consumatori e attirano i turisti, ha detto a EurACTIV.com la contadina e attivista Geneviève Savigny in un’intervista.

Geneviève Savigny è una militante con il coordinamento europeo Via Campesina NGO (ECVC).

Quali sono i vantaggi delle brevi catene di approvvigionamento alimentare nell’Europa meridionale per gli agricoltori e i consumatori dell’UE?

Le catene alimentari corte e le vendite dirette sono una vera opportunità per mantenere redditizie le piccole e medie aziende agricole e consentire ai nuovi arrivati ​​di avviare l’agricoltura. Permette l’accesso a cibo buono, fresco, tipico e abbastanza economico per molti consumatori. È sempre stato presente nell’Europa meridionale. La mia zona – Alpi del Sud – è famosa per i suoi “mercati provenzali” e fa da attrazione per i turisti.

Viene regolarmente rinnovato con nuove forme di vendita diretta e nuovi produttori. Quarant’anni fa, avevamo avviato numerose fattorie di capre per produrre formaggio di capra ora considerato un formaggio tradizionale.

Ultimamente, abbiamo visto molti giovani iniziare la produzione di verdure biologiche in aziende agricole su piccola scala. E puoi anche vedere molti altri prodotti: latte e formaggio di pecora, miele, vino, pane fatto in casa, birra, erbe, oli essenziali, marmellate di frutta e una vasta gamma di conserve dalla fattoria… Si può quasi ottenere tutto ciò di cui ha bisogno dalla produzione locale.

C’è anche innovazione continua nei mezzi di distribuzione; il tradizionale mercato aperto è ora completato dal sistema agricolo sostenuto dalla Comunità (CSA-AMAP in Francia), dall’ordine via internet con consegna al punto locale e dai negozi di fattorie collettive che ultimamente hanno visto un grande sviluppo. I gruppi e le associazioni con le ONG e le autorità locali cercano di definire regimi specifici per consentire l’accesso al buon cibo locale ai poveri urbani.

Molte scuole hanno anche programmi per proporre prodotti locali nei loro pasti, alcuni giorni alla settimana o al mese. Non è molto più caro se cambi il menu. Gran parte di questa produzione è organica e di buona qualità. Ad ogni modo, se la qualità non è presente, non avrai successo.

Quali sono le sfide per promuovere filiere alimentari corte?

Vedo due sfide principali per sviluppare le catene corte: la principale è il problema della regolamentazione e degli standard inadeguati, riguardanti la produzione, l’elaborazione e le vendite. In effetti, la regolamentazione UE include la possibilità di flessibilità per piccoli volumi di produzione, ma le autorità locali non ne sono sempre consapevoli o sono disposte ad applicarla. L’organizzazione collettiva dei piccoli agricoltori è molto importante per questo.

Il secondo punto è l’accesso alla terra per i giovani. La terra è di solito costosa, non facile da affittare, e sebbene la domanda stia crescendo in molti luoghi, i giovani – tra cui molte giovani donne che vedo nella mia zona – hanno difficoltà a entrare nell’agricoltura.

Può la nuova PAC (Politica agricola comune) aiutare gli stati membri a migliorare questa tendenza? È abbastanza ambizioso?

La PAC non ha mai voluto sostenere le catene corte. La grande riforma del 1992 consisteva nel ridurre drasticamente i prezzi dei prodotti europei in modo che i produttori dell’UE potessero essere competitivi in ​​un mercato, promesso alla globalizzazione con la creazione dell’OMC e l’inclusione dell’agricoltura nell’accordo.

I sussidi basati sulla superficie sono stati quindi impostati per compensare. Più spazio hai, più guadagni e meno terra hai, meno soldi ottieni.

E a volte non ottieni niente se sei più piccolo della superficie minima decisa in ogni paese (tre ettari in Italia, 5 nel Regno Unito quando puoi vivere di un ettaro con vendita di verdura e vendita diretta). Questo pagamento per ettaro è troppo piccolo per essere un vero supporto. Dobbiamo sostenere i nuovi arrivati ​​su una base attiva di agricoltori, specialmente durante i primi tre anni della sua installazione.

Esistono anche misure nel secondo pilastro, per gli investimenti nelle aziende agricole, o collettivamente, ma dipende dai programmi nazionali o regionali e non è sempre fissato come priorità.

Quali sono gli effetti collaterali della breve filiera alimentare quando si tratta di altri settori economici come l’agriturismo, specialmente nel sud dell’Europa, dove abbiamo prodotti di alta qualità?

In effetti, una catena corta è una base per varie attività come l’agriturismo. Per citarne alcuni, è molto attivo in Italia, Slovenia e in molte parti della Francia, dove contribuisce all’economia locale. La vita culturale è anche valorizzata nelle aree rurali con dilettanti o gruppi di teatro professionisti e ogni tipo di creazione artistica.

Ed è anche un contributo alla vita di base nei villaggi; mantenere aperte le scuole, i negozi e i caffè. Solo vita rurale.