Filiere corte, in Grecia è scontro tra agricoltori e un sindaco che ha vietato il mercato del contadino

Il sindaco di Kozani, una città nel nord della Grecia, ha deciso di vietare il “movimento senza intermediari”, che ha creato un legame diretto tra agricoltori locali e consumatori.

Le autorità locali hanno affermato che il mercato degli agricoltori, che esiste da cinque anni, ha violato la legislazione esistente.

Le brevi catene di approvvigionamento alimentare sono diventate popolari in Grecia in seguito alla crisi economica, che ha costretto piccoli proprietari e consumatori a cercare modi alternativi per ottenere cibo a prezzi accessibili.

A livello UE, negli ultimi anni si sono sviluppate diverse forme di filiere corte di approvvigionamento alimentare (SFSC). I sostenitori affermano che le SFSC non si limitano a vendere prodotti locali a basso costo in quanto hanno effetti positivi di ricaduta sulle società rurali, sull’ambiente e sull’agriturismo.

Le brevi catene di approvvigionamento alimentare hanno un ruolo multidimensionale da svolgere. Possono aiutare a rivitalizzare le fattorie europee incoraggiando i giovani a lavorare la terra, ma forniscono anche cibo economico e salutare ai consumatori e attirano i turisti, ha detto a EurACTIV.com la contadine e attivista Geneviève Savigny in un’intervista.

Il giornale locale greco e-ptolemeos.gr ha riferito che il sindaco ha deciso di fermare il movimento “Senza intermediari”, e la mossa è stata una sorpresa, considerando che il sindaco Lefteris Ioannidis è un noto ambientalista che è stato elogiato per le sue politiche progressiste.

È uno dei pochi sindaci in tutto il paese ad aver attuato un divieto di fumo molto discusso nei luoghi pubblici. Ha anche calorosamente dato il benvenuto ai rifugiati siriani al culmine della crisi migratoria.

La cooperativa agricola “Aliakmon” ha accusato sia il sindaco che il vice sindaco Chryssa Athanasiadou, che è un politico di estrema sinistra, di piegarsi alle pressioni delle grandi imprese della regione e del mercato.

“È un peccato. Il sindaco priva i produttori di un reddito significativo e i consumatori dei prodotti economici e di alta qualità”, ha detto Panagiotis Arnidis, presidente di Aliakmon.

Le fonti del comune spiegano che, secondo la legislazione vigente, questi produttori dovrebbero chiedere una licenza per operare e seguire una specifica procedura di autorizzazione.

“I produttori non hanno fatto nulla e non possiamo permettere che un mercato incontrollabile funzioni là fuori”, hanno detto le fonti.

Secondo la legge esistente, i produttori dovrebbero creare organizzazioni senza scopo di lucro al fine di essere in grado di operare e, allo stesso tempo, dimostrare attraverso una relazione annuale che le loro attività si basano sulla solidarietà verso coloro che ne hanno bisogno.

“La scelta di non conformità cosciente con la legge non è e non sarà accettabile”, hanno detto le autorità locali in una dichiarazione.

Gli agricoltori di Kozani affermano che, nonostante il divario legislativo, i mercati degli agricoltori in altre regioni greche funzionano già senza problemi. Non capiscono perché il divieto dovrebbe applicarsi solo a loro.

Contattato da EURACTIV, Arnidis ha detto che gli interessi commerciali locali e i supermercati sono dietro il divieto. Il mercato degli agricoltori è stato organizzato una volta al mese e il feedback dei consumatori locali è stato molto positivo fino ad oggi, ha affermato.

Ma la polizia è stata recentemente inviata al mercato degli agricoltori locali e ha imposto una sanzione di 200 euro a ciascun produttore, ha dichiarato Arnidis.

Fonti delle autorità locali hanno negato di aver inviato la polizia. Secondo loro, i gestori del mercato delle pulci organizzati lo hanno fatto, invocando la legge pertinente.

Nel frattempo, il parlamento greco ha recentemente votato una legge sull’agriturismo, un parametro di filiere alimentari corte, in particolare per i prodotti di alta qualità dell’Europa meridionale.

“Il turismo della gastronomia è parte integrante del patrimonio culturale di diversi luoghi e una forma di turismo del tempo libero”, afferma la legge, chiarendo che una delle attività principali per promuovere l’agriturismo è l’acquisto di prodotti agricoli direttamente dal produttore.

Ma il sindaco ha detto che il movimento era contro la legislazione esistente. In effetti, mentre il ministero dell’agricoltura ha presentato una proposta legislativa sulle filiere corte, la legge non è stata ancora approvata dal parlamento.