La mancanza di infrastrutture e il sostegno di piccole aziende agricole scoraggia i giovani agricoltori in Germania

La mancanza di un’infrastruttura adeguata nelle aree rurali tedesche e uno scarso sostegno alle nuove piccole fattorie impediscono ai giovani di investire nell’agricoltura e li costringono a trasferirsi nelle città, come riferisce EURACTIV Germania.

“In alcune regioni, ad esempio nella mia casa dello stato di Schleswig Holstein, l’offerta di lavoro è molto limitata”, ha detto Kathrin Muus, presidente dell’associazione dei giovani agricoltori tedeschi (BDL). “Le persone spesso non hanno altra scelta che andarsene. Ed è difficile creare nuove imprese se mancano infrastrutture come la banda larga, i centri diurni o le scuole “, ha aggiunto.

Le piccole imprese agricole in Germania affrontano tempi difficili mettendo alla prova la sostenibilità del settore. I critici suggeriscono che i cambiamenti strutturali nelle aree rurali sono un problema importante spesso trascurato nella riforma della politica agricola comune (PAC).

Il cosiddetto Höfesterben (scomparsa delle fattorie) è spesso menzionato nei media tedeschi come un fenomeno in aumento e ha fatto sollevare le sopracciglia ai politici.

L’atlante agricolo, pubblicato dalla Fondazione Heinrich Böll all’inizio di gennaio, è stato un campanello d’allarme. Ha chiesto un ripensamento completo del sistema agricolo europeo, che, secondo la fondazione, offre attualmente maggiori benefici alle grandi aziende agricole.

Lo Höfesterben non è interamente responsabile del drammatico abbandono delle aree rurali. Tuttavia, l’agricoltura è un fattore importante, che sostiene la vita economica, sociale e culturale nelle zone rurali.

“Quando si parla di perdita di posti di lavoro, la maggior parte delle persone pensa all’industria o al settore dei servizi. Il settore primario è spesso trascurato. Spesso si ha l’impressione che le perdite di posti di lavoro in agricoltura siano meno significative e di valore”, ha detto a EURACTIV Germania Hubert Weiger, presidente del Conservatorio tedesco per la tutela della natura e della biodiversità (NABU).

Il settore agricolo dell’UE si trova ad affrontare un invecchiamento della popolazione. Nel 2016, solo l’11% dei dirigenti delle aziende agricole nell’UE erano giovani agricoltori di età inferiore ai 40 anni, secondo Eurostat.

Ci sono molte ragioni per cui i piccoli agricoltori decidono di chiudere le loro attività. Spesso è dovuto a un cambio di generazione, poiché sempre meno giovani sono in grado o vogliono intraprendere fattorie a conduzione familiare.  Muus ha detto che molti giovani non hanno scelto di lavorare nel settore agricolo perché la professione porta incertezza.

“I parametri cambiano costantemente, le ore di lavoro sono lunghe, non c’è reddito fisso”, ha spiegato Muus. La creazione di una nuova fattoria è costosa e spesso manca l’assistenza finanziaria iniziale. Inoltre, i prezzi dei terreni sono in aumento nell’UE – ad esempio, in Bulgaria, i prezzi dei terreni sono aumentati del 175% tra il 2006 e il 2012. Oltre a ciò, la concorrenza sui prezzi è così implacabile che per molti agricoltori non vale la pena.

La drammaticità del problema si riflette in una risposta del ministero federale tedesco dell’alimentazione e dell’agricoltura a una questione sollevata dai Verdi nel settembre 2018. Il ministero ha affermato che, dal 1999, circa il 42% di tutte le imprese agricole era stato chiuso e il numero di lavoratori nel settore agricolo era stato ridotto di un terzo.

Questo perché sono soprattutto le aziende agricole che sono grandi in termini di superficie che ricevono finanziamenti dalla PAC. Nel 2013 oltre la metà dei terreni agricoli nell’UE era utilizzata solo dal 3,1% di tutte le aziende agricole.

Per evitare questa tendenza, gli analisti sostengono che il secondo pilastro della PAC dovrebbe sostenere le aree rurali e aumentare la competitività degli agricoltori, piuttosto che servire solo alla protezione dell’ambiente. Ogni anno vengono stanziati oltre 14 miliardi di euro a titolo del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR).

In teoria, gli agricoltori possono ottenere finanziamenti per la formazione, le ristrutturazioni aziendali o il sostegno agli investimenti attraverso il fondo, che è co-finanziato dai comuni.

Tuttavia, gli stati membri hanno la libertà di stabilire le proprie priorità di finanziamento. Durante l’ultima riforma della PAC del 2013, sono stati messi a disposizione finanziamenti supplementari a sostegno delle piccole aziende agricole in particolare. Ma molti governi non pagano questo finanziamento, ha affermato la Fondazione Heinrich Böll.

La Germania potrebbe quindi inviare fino al 30% dei pagamenti diretti nazionali alle piccole aziende agricole. Tuttavia, secondo l’atlante agricolo, solo il 7% è destinato a questo scopo. In totale, dei 1,35 miliardi di euro che la Germania riceve dal FEASR, circa il 16% del fondo è utilizzato per lo sviluppo rurale, secondo il ministero federale dell’alimentazione e dell’agricoltura.

Mentre il sostegno ai giovani agricoltori e modelli operativi sostenibili dovrebbero essere rafforzati, la Commissione europea ha allo stesso tempo proposto tagli nel secondo pilastro. Di conseguenza, fino al 27% del suo budget potrebbe scomparire.

Weiger ha affermato che esiste già un problema strutturale a sostegno del secondo pilastro. Molte regioni stanno già fallendo rispetto al cofinanziamento richiesto. “Alcuni stati tedeschi stanno incontrando difficoltà, le autorità locali in Sassonia o nel Brandeburgo stanno avendo problemi a raccogliere i fondi necessari”, ha detto Weiger.

Al fine di rivitalizzare le aree rurali, ha affermato, la solidarietà della società e programmi di finanziamento più coordinati dovrebbero essere messi in atto, in particolare per le piccole imprese agricole. “Attualmente, l’UE, i ministeri e gli stati tedeschi forniscono supporto in parallelo l’uno con l’altro”.