Tutte le sezioni

Il 26 febbraio è la “Giornata mondiale del pistacchio”

Ha un sapore unico grazie ai minerali dell’Etna e ha un colore verde smeraldo inconfondibile. È il pistacchio di Bronte (Ct) che si conferma il re della frutta secca nell’anno di raccolta 2021, che si prospetta buona. Lo afferma Coldiretti Sicilia in occasione della giornata mondiale di questo frutto così ricercato, celebrata in tutto il mondo il 26 febbraio in cui si festeggia un alimento che ha una serie di caratteristiche peculiari a cominciare dal terreno. I pistacchi di Bronte, prodotti in circa 4.000 ettari, (le zone sono denominate “lochi”), crescono nelle distese di lava stratificate nei secoli (sciara) e proprio dal fuoco solidificato prendono tutte le qualità organolettiche. A questa peculiarità che li rende unici, si somma la specializzazione necessaria per le fasi di produzione e la raccolta, che avviene in modo manuale. Negli anni – sottolinea ancora Coldiretti Sicilia – anche grazie al suo utilizzo in cucina sia per piatti salati sia per quelli dolci sono cresciute anche le aziende di trasformazione. Grazie all’alta specializzazione gli imprenditori, sono riusciti ad aggiungere valore alla produzione che si somma alla Denominazione di Origine Protetta (Dop) ottenuta nel 2009 che sigilla e differenzia la produzione e che il consumatore deve guardare per accertarsi della provenienza.

La Dop “Pistacchio Verde di Bronte” – commenta Andrea Passanisi, presidente Coldiretti Catania – ha permesso anche di identificare un prodotto che rappresenta una fonte economica per agricoltori connotati in un territorio ben definito con regole di produzione che conferiscono al pistacchio etneo un marchio ormai conosciuto in tutto il mondo. Proprio perché la produzione non è elevata circa 40.000 quintali, ed è biennale, il rischio di contraffazione è notevole e quindi l’attenzione all’etichetta dev’essere massima – conclude Andrea Passanisi – .

Nell’Isola – ricorda Coldiretti Sicilia – oltre a Bronte ci sono isole produttive in provincia di Agrigento che l’Istat indica in circa 170 ettari.

Il pistacchio è una specie dioica, cioè esistono piante maschili e piante femminili. Ogni albero maschio impollina circa 20 piante femmine e questa peculiarità è indicata nella posizione che gli alberi devono avere: il maschio infatti dev’essere in un posto sopraelevato così, grazie al vento, impollina le piante femmine che stanno in aree sottostanti.

È anche considerato un cibo dell’amore per l’abbondante presenza di antiossidanti e l’elevato contenuto di arginina, aminoacido che aiuta a preservare la flessibilità delle arterie e a migliorare il flusso sanguigno.