Rientra in patria il grano duro proveniente dal Kazakistan

E’ stata finalmente messa fine alla vicenda del grano kazako stoppato nelle scorse settimane a largo di Pozzallo. La ditta importatrice siciliana, cui era destinata la partita che la Sanità Marittima, unitamente al Servizio Fitosanitario Regionale e al Corpo Forestale della Regione Siciliana, avevano definito “non compatibile con il genere umano”, ha rinunciato all’immissione del carico sul mercato regionale.  

Nonostante il Tar di Catania avesse consentito un’operazione di cernitura del cereale per poi sottoporlo agli ulteriori controlli di legge, gli importatori, con atto formale, hanno rinunciato allo sdoganamento e richiesto tutta quanta la documentazione necessaria per il rientro al paese d’origine.

Per l’Assessore all’Agricoltura Edy Bandiera: “La determinazione e la sinergia tra i diversi enti che si sono spesi in questa vicenda ha portato all’ottenimento di questo importante risultato, monito per quanti in forti di un passato agevole pensavano di poter perpetuare queste prassi.  Continueremo la nostra azione di difesa della salute dei siciliani e tutela dei nostri produttori”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi