Le donne cercano il loro spazio nell’agricoltura francese

Le donne sono il grande gruppo dimenticato di politiche agricole, ma rappresentano un quarto degli agricoltori francesi. In Bretagna, la rete “agriculture au féminin” sta tentando di far avanzare la questione della parità di genere nel settore agricolo. Rapporti EURACTIV Francia.

Il numero di donne nella professione aumenta mentre le donne costituiscono il 41% delle imprese agricole. Ci sono anche più donne che fanno il grande passo verso l’agricoltura biologica e le forme di produzione come le catene di approvvigionamento corte.

Ma secondo Nabila Gain-Nachi, un rappresentante per l’uguaglianza e la parità nella camera dell’agricoltura bretone, il settore non si preoccupa dell’uguaglianza. “Sono preoccupati per il prezzo del latte, i loro salari, l’economia, ecc.”, Ha detto.

Gain-Nachi ha detto che ci sono molte aree in cui l’uguaglianza di genere può essere migliorata nel settore agricolo, incluso il lavoro fisico, la proprietà della terra, la parità di retribuzione e persino la rappresentanza negli organi decisionali.

Il dipartimento della Côtes-d’Armor in Bretagna è in prima linea nella questione di genere, considerando che è l’unica camera dell’agricoltura che ha istituito un gruppo sull’uguaglianza di genere nel settore agricolo.

“Il concetto di ‘agricoltura au féminin’ è stato creato nel 2004 nella camera dell’agricoltura della Côtes-d’Armor. Lo abbiamo fatto quando ci siamo resi conto che non c’era una tale iniziativa all’interno delle camere dell’agricoltura o in generale “, ha detto Gain-Nachi.

Le donne possono contribuire a far rinascere le aree rurali in declino nell’UE e impedire ulteriori urbanizzazioni, affermano i deputati in una nuova relazione. Utilizzando i fondi dell’UE, la Camera dell’agricoltura della Côtes-d’Armor ha avviato uno studio sui gestori delle aziende agricole. I risultati hanno indicato che le donne si sentono professionalmente isolate.

“Le contadine sono più colpite dall’isolamento rispetto agli uomini. Questa osservazione ha evidenziato la necessità di adottare misure specifiche per sostenere le donne contadine”, ha aggiunto Gain-Nachi.

Nel settembre 2005, la camera ha lanciato una giornata nel dipartimento per le donne contadine chiamato “Agriculture au féminin”. Altri dipartimenti della regione della Bretagna sono stati seguiti e il gruppo regionale “Agricultrice au féminin” è stato istituito in Bretagna nel 2009.

Il gruppo riceve finanziamenti dal Fondo sociale europeo (FSE) per adottare misure per promuovere l’attrattività dell’agricoltura, la formazione e il reclutamento di donne in posizioni di responsabilità. “Abbiamo anche prodotto la prima guida alla comunicazione per non includere gli stereotipi di genere per le camere dell’agricoltura”, ha continuato Gain-Nachi.

Tuttavia, poiché il programma europeo si è concluso nel 2013, le sovvenzioni sono state scarse e altre regioni francesi non hanno praticamente seguito l’esempio. “Attualmente, abbiamo un budget di circa € 30.000 all’anno per la regione della Bretagna. Non saremo in grado di rivoluzionare la mentalità agricola con questo solo “, ha detto Gain-Nachi.

Il coinvolgimento delle donne negli organi decisionali è considerato uno dei mezzi principali per spingere la questione degli agricoltori femminili nell’agenda politica. “Abbiamo bisogno di più donne negli organismi decisionali agricoli”, ha aggiunto Gain-Nachi.

Nel 2013, un decreto firmato dall’ex ministro francese dell’Agricoltura e alimentazione Stéphane Le Foll ha imposto l’equilibrio di genere nelle liste dei candidati alle elezioni nelle camere dell’agricoltura. Tuttavia, le posizioni di responsabilità rimangono spesso in gran parte chiuse alle donne, poiché attualmente presiedono solo quattro camere dell’agricoltura.

Non esiste una soluzione universale per produrre di più e meglio produrre, secondo l’ex capo dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA), che ora sta cercando di diventare direttore generale dell’agenzia delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).

Un altro fondamentale passo avanti nel sostenere le agricoltrici è stato l’istituzione dello status di “coniuge collaborante” in Francia nel 1999. “Questa riforma ha portato un certo riconoscimento alle donne che hanno lavorato in background per così tanto tempo”, ha detto Gain-Nachi. “Prima di questo, i soci degli agricoltori non erano niente in una fattoria. Ora hanno uno status”, ha aggiunto. Nel 2014, nove su dieci “coniugi collaboranti” erano donne, secondo i dati di Mutualité Sociale Agricole (MSA), che fornisce una copertura previdenziale nel settore agricolo. Nonostante lo status di “coniuge collaborante”, un certo numero di donne lavora ancora senza status legale (tra 2.000 e 5.000 secondo un rapporto del Senato francese).

Tuttavia, questi piccoli passi non sono stati portati avanti a livello europeo. La questione di genere si trova raramente nella politica agricola comune (PAC), che è attualmente in fase di negoziazione a Bruxelles. “Nella nuova PAC, non c’è niente per le donne, niente di niente. Abbiamo suggerito degli accordi, come il supporto differenziato per le donne, che affrontano particolari difficoltà rispetto agli uomini “, ha detto Gain-Nachi.

“Ci sono cose che la PAC potrebbe dare slancio rispetto al ruolo delle donne nell’agricoltura, che potrebbe anche avvantaggiare gli uomini, come lo sviluppo di strumenti ergonomici per il lavoro più fisico”, ha aggiunto.

Nel Parlamento europeo, anche la questione del ruolo delle donne nella futura PAC solleva interrogativi. Le commissioni parlamentari per l’agricoltura e lo sviluppo rurale (AGRI), i diritti della donna e l’uguaglianza di genere (FEMM) hanno chiesto l’integrazione della parità di genere nella futura PAC. Allo stato attuale, questo suggerimento non è incluso nella proposta della Commissione europea per la nuova PAC.