Lavoro e produzione, MF Sicilia propone un manifesto per la “Fase 2”

Affrontata l’emergenza sanitaria ed organizzata la fase del progressivo rientro alla normalità la priorità è sostenere l’economia, cercando di porre rimedio alle perdite di capacità produttiva e di occupazione prodotte dall’epidemia e dalle misure di contenimento. Serve un manifesto da portare all’attenzione di chi deve decidere.

E’ questa l’iniziativa che lancia Mf Sicilia dalle sue pagine che sta raccogliendo i contributi per scrivere un documento per le regole della ripartenza convinti che servano nuove politiche per uno scenario che sarà diverso rispetto a quello lasciato solo due mesi fa. L’analisi parte da un quadro che si fonda su misure coordinate con lo Stato, l’estensione di sgravi contributivi e fiscali, l’inutilità di interventi a pioggia e la necessaria riorganizzazione delle regole per gli appalti e la gestione dei fondi europei.

Questo richiede, sostiene il quotidiano, politiche strutturali e flessibili, poiché per compensare i drammatici effetti collaterali della pandemia non bastano sussidi monetari o agevolazioni una tantum, ma servono misure di welfare e forme di sostegno permanente all’economia, che dovranno essere progressivamente modificate, integrate, adattate sulla base di diverse variabili esterne: l’evoluzione dell’emergenza sanitaria, il mutamento degli scenari economici, le politiche nazionali e sovranazionali, le misure di sicurezza che disciplineranno la mobilità, la vita sociale, le attività produttive.