Tutte le sezioni

Gasolio agricolo agevolato, dichiarazioni entro il 30 giugno

Gasolio agricolo: entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello di assegnazione i titolari del libretto di controllo presentano all’Ufficio U.M.A. (Ispettorati provinciali dell’agricoltura) tramite le ex condotte agrarie, direttamente o tramite le organizzazioni di categoria, la dichiarazione di avvenuto impiego di oli minerali negli usi agevolati per i quali erano stati richiesti, in cui indicano complessivamente i quantitativi utilizzati nei suddetti impieghi e quelli non utilizzati (rimanenze), di cui si tiene conto nell’assegnazione dell’anno successivo, le eventuali lavorazioni eseguite in loro favore dalle imprese agromeccaniche, indicandone le generalità dei titolari, la ragione sociale e la sede legale.

La normativa vigente prevede la possibilità, per le imprese che esercitano attività agricola, di beneficiare di agevolazioni fiscali sui carburanti impiegati per l’alimentazione delle macchine utilizzate per lo svolgimento delle attività agricole. Gli Utenti Motori Agricoli sono i beneficiari di queste agevolazioni.

Sono definiti carburanti agricoli il gasolio e la benzina con aliquote di accisa e aliquote I.V.A. ridotte; questi carburanti sono denaturati con sostanze rivelatrici per distinguerli da quelli destinati all’autotrazione.

Nonostante la predetta agevolazione risulta utile ed indispensabile agli imprenditori agricoli, la stessa presuppone la presentazione di una serie di documenti e successivi passaggi burocratici che condizionano l’operosità dei CAA e degli Uffici regionali.

Considerato che si tratta di un aiuto che si ripete annualmente e che si protrae da decenni, con l’inoltro di analoga documentazione, basterebbe stabilire una media del quantitativo concesso degli ultimi 5 anni e ammettere d’Ufficio la quota spettante, il tutto attraverso una semplice richiesta, dove viene dichiarato di non avere effettuato variazioni relative all’anno precedente (fascicolo aziendale, residui, ecc.). L’intervento amministrativo potrebbe scattare nel caso di dichiarazioni di variazioni, inoltre, a campione effettuare dei controlli in modo da assicurare la trasparenza di tali aiuti.

A parte le lamentele di perdita di tempo da parte degli interessati e dei CAA, la concessione di gasolio agricolo agevolato e altri carburanti a uso agricolo impiega notevole quantità di personale che potrebbe essere utilizzato per altri compiti istituzionali.