Tutte le sezioni

Indennità compensativa in Sicilia, pubblicato il bando. In arrivo 30 milioni per la zootecnia

In arrivo aiuti per il settore zootecnico siciliano con l’indennità compensativa. E’ stato pubblicato sul sito del Psr Sicilia 2014/2020 (clicca qui per vederlo) e su quello dell’assessorato regionale dell’Agricoltura, dello Sviluppo rurale e della Pesca mediterranea il bando della Misura 13 per la campagna 2021 “Indennità a favore delle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici” – operazione 13.1.1 “Pagamento compensativo per le zone montane” ed operazione 13.3.1 “Pagamento compensativo per le altre zone soggette a vincoli specifici”.

A dare comunicazione dell’indennità compensativa è l’assessore all’Agricoltura, allo Sviluppo rurale e alla Pesca mediterranea, Toni Scilla. «Il governo Musumeci mantiene gli impegni assunti nei confronti del comparto agricolo siciliano. Con questo bando, la cui dotazione finanziaria presunta è di 30 milioni di euro – afferma l’assessore Scilla – diamo risposte a un settore che riteniamo centrale, quello della zootecnia siciliana. Settore, già fortemente provato dall’emergenza pandemica, che necessita di aiuti concreti. Noi siamo pronti a metterli in campo».

L’obiettivo della Misura 13 “Indennità a favore delle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici” è volto a mantenere e far proseguire l’attività agricola-zootecnica agli agricoltori che operano nelle zone montane e nelle altre zone soggette a vincoli specifici, a garantire il presidio per la salvaguardia del territorio, a compensare gli agricoltori dei costi di produzione aggiuntivi, azioni che contribuiscono altresì alla gestione sostenibile delle risorse naturali ed alla conservazione del paesaggio.

A breve sarà pubblicato anche il bando riguardante la Misura 14 del Psr “Igiene e benessere degli animali” con una previsione di impegno economico di ulteriori 30 milioni di euro, mentre 15 milioni di euro saranno previsti per i Progetti integrati di filiera (Pif) lattiero/caseari.

«Previsti quindi – ha concluso l’assessore Scilla – ben 75 milioni di euro per i nostri allevatori. L’agroalimentare siciliano è un pilastro qualificante dell’azione politica del governo Musumeci».