Tutte le sezioni

Esonero dei contributi per i primi sei mesi del 2020 per le filiere agroalimentari

Arriva l’esonero dei contributi per i primi sei mesi del 2020 per le filiere agroalimentari in Italia. “Ho appena firmato, subito dopo averlo ricevuto dal Ministero del Lavoro”, dice la Ministra Teresa Bellanova, “il Decreto con cui consentiamo l’esonero contributivo per i primi sei mesi del 2020 per le filiere agroalimentari. Il 16 settembre, come già avevo detto in molte delle aziende visitate in queste settimane, scatterà l’esonero dei versamenti previdenziali”.

A disposizione delle filiere agroalimentari, dunque, i 426milioni previsti dal Decreto Rilancio e finalizzati all’esonero straordinario dai versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali a carico dei datori di lavoro dovuti per il periodo dal 1° gennaio al 30 giugno 2020. Ad essere interessate dal provvedimento le filiere agrituristiche, apistiche, brassicole, cerealicole, florovivaistiche, vitivinicole, nonché dell’allevamento, dell’ippicoltura, della pesca e dell’acquacoltura. Obiettivo, come più volte ribadito dalla Ministra ed esplicitato nello stesso decreto, il rilancio produttivo e occupazionale delle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura.

Dopo la firma della Ministra Bellanova, il Testo è stato immediatamente inoltrato al Mef per l’adozione definitiva del Provvedimento.

Qui di seguito le filiere che potranno usufruire dell’agevolazione

Coltivazione di cereali; Coltivazione agricole associate all’allevamento animale attività mista; Coltivazione di spezie, piante aromatiche e farmaceutiche; Coltivazione di fiori in piena aria; Coltivazione di fiori in colture protette; Coltivazione di uva; Coltivazione di altre colture permanenti (inclusi alberi di Natale); Riproduzione piante; Allevamento di bovini e bufale da latte, produzione di latte crudo; Allevamento di bovini e bufalini da carne; Allevamento di cavalli e altri equini; Allevamento di cammelli e camelidi; Allevamento di ovini e caprini; Allevamento di suini; Allevamento di pollame; Allevamento di conigli; Allevamento di animali da pelliccia; Bachicoltura; Allevamento di altri animali nca; Apicoltura; Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi; Pesca in acque dolci e servizi connessi; Acquacoltura in acqua di mare, salmastra o lagunare e servizi connessi; Acquacoltura in acque dolci e servizi connessi; Commercio all’ingrosso di sementi e alimenti per il bestiame (mangimi), piante officinali, semi oleosi, patate da semina; Commercio all’ingrosso di fiori e piante; Commercio al dettaglio di fiori e piante; Commercio al dettaglio ambulante di fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti; Servizi di gestione di pubblici mercati e pese pubbliche; Attività di ristorazione connesse alle aziende agricole; Attività di alloggio connesse alle aziende agricole; Cura e manutenzione del paesaggio inclusi parchi giardini e aiuole.