Tutte le sezioni

In arrivo 320 milioni di fondi europei del “Regime transitorio” per l’agricoltura siciliana

A causa del notevole ritardo protratto a causa del concitato dibattito sul Fondo per la ripresa, che doveva entrare in vigore almeno per una parte dal 1 gennaio 2021, la Commissione ho proposto un regime transitorio per tutti gli strumenti della Pac: pagamenti diretti, Ocm e politico di sviluppo rurale.

Tale decisione, all’attuazione del regime transitorio, dovrebbe garantire certezza e continuità nella concessione del sostegno agli agricoltori europei per il 2021 e il 2022, tramite il prolungamento dell’applicabilità dei riferimenti legislativi esistenti e gli adottamenti di alcune norme per traghettare la Pac fino all’istituzione del nuovo sistema.

Per quanto riguarda lo sviluppo rurale, la Commissione propone analoghe norme transitorie, al fine di garantire l’omogeneizzazione tra i due periodi di programmazione pluriennale.

Pertanto, gli attuali Psr 2014 – 2020 possono essere prorogati sino al 31 dicembre 2022, con finanziamenti della nuova programmazione, in sintesi ci saranno due anni in più, sia per gli impegni di spesa (2020 – 2021) sia per l’erogazione delle spese (dal 31dice. 2023 al 31 dic. 2025). Pare che la quota disponibile per l’agricoltura siciliana sia di circa 320 milioni all’anno per il 2021 e per il 2022.

Naturalmente le nuove entrate dovranno, così come ha imposto Bruxelles, il completamento finanziamento delle graduatorie esistenti riguardanti diverse Misure quali: insediamento giovani,
lotta al virus della tristezza, strade rurali, ecc.

In una dichiarazione riportata dal Giornale di Sicilia l’assessore Edy Bandiera e il Direttore Dario Cartabellotta hanno ribadito: “Il nuovo piano di sviluppo rurale privilegerà il green new deal e il farm to fork – ha spiegato il direttore generale dell’assessorato all’agricoltura, Dario Cartabellotta – e avremo questo orizzonte”. “In termini di spesa comunitaria siamo arrivati a superare il miliardo di euro somme già giunte nelle tasche degli agricoltori”, ha aggiunto l’assessore all’agricoltura, Edy Bandiera. “Un risultato non affatto scontato visto il pregresso. In questi anni abbiamo superato due anni fa l’obiettivo di spesa, lo scorso anno pure abbiamo superato l’n+3 e quest’anno siamo al lavoro per superare l’obiettivo che ci eravamo dati e nonostante il blocco del covid, stiamo lavorando”.